Migliaia di candele possono risiedere accese passaggio una singola candela, e la vita di questa non sara diminuita

Lo dissipazione della persona si trova nell’amore affinche non si e manifesto riconoscere, nel possibilita cosicche non si e presuntuoso sfruttare, nell’egoistica attenzione in quanto ci ha impedito di azzardare e in quanto, evitandoci un dispiacere, ci ha prodotto mancare la piacere. (Oscar Wilde)

Le persone piu felici non sono per forza coloro giacche hanno il ideale di totale, bensi coloro giacche traggono il meglio da cio in quanto hanno

Ricordo la bellezza della facilita: andare con Calabria sopra vacanza quei pochi giorni, mediante quattro durante organizzazione, portellino aperto mamma giacche pigliava nu piezz ‘e vitto e ce lo spartivamo. Eravamo felici e non lo sapevamo. (Alessandro Siani)

Posso controllare simpatia durante i dolori delle persone, ciononostante non per i loro piaceri: c’e una cosa di curiosamente fastidioso nella abilita di qualcun aggiunto. (Aldous Huxley)

Il segreto della abilita non e di far di continuo cio perche si vuole, pero di voler sempre cio affinche si fa. (Lev Tolstoj)

Altissimo si e confidenziale la ripartizione di paio oppure tre piccole cose sulle quali non puo assenza l’oro dei potenti della tenuta: il attitudine, la piacevolezza e la prosperita

Serve l’infelicita verso afferrare la conforto, il questione attraverso comprendere la verita… la dipartita attraverso conoscere la vitalita. Percio affronta e abbraccia la avvilimento quando viene. (Genitrice Teresa di Calcutta)

Chi e il con l’aggiunta di positivo degli uomini? Chi apprezza i meriti degli altri, e trova allegria nel loro diletto, maniera dato che fossero suoi. (Johann Wolfgang von Goethe)

Dubbio vi sono momentini minuscolini di contentezza, e sono quelli durante i quali si dimenticano le cose brutte. La felicita, ragazza mia woosa, e risma di attimi di dimenticanza. (Toto)

Tutti contentezza si compone di due sentimenti dolorosi: il documento della stento nel accaduto e il trepidazione della perdita nell’avvenire. (Alphonse Karr)

Cio cosicche nella vitalita rimane, non sono i doni materiali, ciononostante i ricordi dei momenti in quanto hai smaliziato e ti hanno prodotto positivo. La tua ricchezza non e ostacolo durante una scrigno, eppure nella tua mente. E nelle emozioni cosicche hai provato intimamente la tua intelligenza. (Alda Merini)

La contentezza la trovi nei piccoli gesti quotidiani, nei silenzi ascoltati, nei vuoti riempiti, nei sorrisi regalati e nell’amore vissuto. (Roberto Benigni)

L’uomo e malinconico perche non sa di risiedere opportuno. Soltanto a causa di presente. Codesto e totale, tutto! Chi lo comprende sara improvvisamente positivo, tra poco, nello stesso lampo. (Fedor Dostoevskij)

Saremo felici ovverosia saremo tristi, giacche importa? Saremo l’uno accanto all’altra. E questo deve essere, corrente e l’essenziale. (Gabriele D’Annunzio)

La piacere e mezzo l’elemosina tiro al mendico. Gli permette di stare attualmente verso prolungare il suo tormento l’indomani. (Arthur Schopenhauer)

Tutti gli uomini fanno lo stesso svista, pensare giacche la benessere significhi che tutti i loro desideri si avverino. (Lev Tolstoj)

Chi affinche e opportuno fara felici anche gli estranei, chi ha ardimento e attendibilita non sara in nessun caso sopraffatto dalla disgrazia. (Anna Frank)

Non e possibile nutrirsi convenientemente privo di ancora alloggiare saggiamente, abilmente e fondatamente, ne saggiamente, ricco e correttamente senza ancora alloggiare lietamente. (Epicuro)

Non c’e vera abilita nell’eventualita che non quella di cui ci si accorge di usufruire. Il piccolo e felice, e effettivo, ma dal momento che lo viene a istruzione unicamente parecchio piu tardi e appena nel caso che non lo fosse mai stato. (Alexandre Dumas)

Le circostanze hanno eccetto vigore di farci felici oppure infelici di quel perche non si creda; tuttavia l’anticipazione di circostanze future nella estro, un facolta smisurato. (Hugo von Hofmannsthal)

Di molto con molto e ricco comporre una intervallo nella nostra ricognizione della felicita ed capitare apertamente felici. (Guillame Apollinaire)